• Stefano Campolo

Sicurezza, nel 2015 zero vittime jet

[vc_row][vc_column css=”.vc_custom_1447931272021{padding-right: 12% !important;padding-left: 12% !important;}”][media image=”19586″][vc_custom_heading text=”di Stefano Campolo” font_container=”tag:h6|font_size:16|text_align:left|color:%2310b8c7″ use_theme_fonts=”yes” link=”url:https%3A%2F%2Ftwitter.com%2Fpartodomani||target:%20_blank”][vc_column_text][/vc_column_text][vc_column_text]Nessun passeggero ha perso la vita in incidenti aerei di jet nel 2015. Iata, l’associazione internazionale dei vettori aerei, ha diffuso i dati sulla sicurezza aerea nel 2015. Il tasso di incidenti (misurato in 1 perdita di velivolo per ogni milione di voli) è stato di 0,32 e segna un netto miglioramento rispetto al quinquennio precedente il cui tasso di incidenti si è stabilizzato a 0,46. Prendendo in considerazione solo le 260 compagnie aeree associate a Iata, il livello di sicurezza aumenta del 31% con una ratio di 0,22. Non sono state volutamente calcolate le perdite del volo Germanwings 9525 e del volo Metrojet 9268, in quanto risultato di atti deliberati (suicidio nel primo caso, sospetta azione terroristica nel secondo) e non frutto di incidenti.

A livello globale sono stati 4 gli incidenti con perdita del velivolo. Tutti hanno riguardato aerei turboelica e hanno causato 136 vittime. Anche in questo settore va sottolineato il calo drastico di incidenti fatali rispetto ai cinque anni precedenti (2010-2014) quando si sono verificati in media 17,6 incidenti fatali ogni anno.

Questi i dati sulla sicurezza aerea rilasciati da Iata:

  1. Oltre 3,5 miliardi di persone hanno viaggiato in sicurezza utilizzando 37,6 milioni di voli (31,4 operati da jet e 6,2 operati da turboelica).

  2. Le vittime sono state 136 contro le 641 del 2014 e una media di 504 nei cinque anni precedenti. Includendo le vittime dei voli Germanwings e Metrojet le vittime del 2015 salgono a 510.

  3. Gli incidenti che hanno coinvolto ogni tipo di aereo sono stati 68, in calo rispetto ai 77 dell’anno precedente e alla media di 90 all’anno del quinquennio 2010-2014.

  4. Incidenti con vittime tra i passeggeri sono stati 4 e contro i 12 del 2014 e una media annuale di 17,6 nel periodo 2010-2014.

  5. Il 6% degli incidenti è stato fatale contro una media del 19,6% dei cinque anni precedenti.

  6. Sono stati persi 10 velivoli jet, contro gli 8 del 2014 e la media di 13 sui cinque anni.

  7. Nessun incidente che ha coinvolto jet ha comportato vittime tra i passeggeri, nel 2014 furono tre e la media del periodo è 6,4 all’anno.

  8. Nella Repubblica Democratica del Congo un cargo è uscito di pista uccidendo otto persone a terraDue incidenti che hanno coinvolto jet, hanno causato vittime, ma non tra i passeggeri:

  9. In Senegal si è verificata la collisione tra un aereo passeggeri e una piccolo jet adibito ad ambulanza. I danni al jet passeggeri sono stati modesti e senza feriti o vittime a bordo. Non è stato invece ritrovato il relitto dell’avio-ambulanza e si presume che tutte e sette le persone a bordo siano morte.

  10. Otto incidenti aerei relativi a turboelica di cui 4 fatali.

Maggiori informazioni e dati sulla sicurezza aerea globale possono essere trovati nel safety fact sheet aggiornato da Iata al 31 dicembre 2015.[/vc_column_text][separator width=”200px” height=”2px” color=”#5b5b5b”][/vc_column][/vc_row]

Iscriviti alla newsletter

  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale

©2020 di Partodomani | Scritto con cura da Stefano Campolo | Privacy Policy | Termini e Condizioni