• Stefano Campolo

British Airways: da buon viaggio a buon appetito

Aggiornamento: apr 1


Se non posso volare, comunque posso mangiare e consumare un pasto come se fossi in aereo. D'accordo, chi ha passato i 35 anni e ha un po' di voli di lungo raggio sulle spalle considera il cibo servito a bordo alla stregua di 'junk food' o giù di lì, indipendentemente dalla classe di viaggio. Certo, se non fossimo sospesi a diecimila metri nessuno di noi si sognerebbe di ingurgitare quello che ci viene proposto in economica. Molte volte manco si riconosce la forma e la salvezza è attrezzarsi con un frutto portato da casa. Quanto alla business o alla prima, non si creda di entrare in un ristorante stellato, ma neanche in una trattoria di periferia, è solo che le pietanze vengono presentate meglio, su piatti di porcellana (talvolta in arcopal) invece che nelle vaschette di plastica e con stoviglie in metallo anziché monouso. Ma la sostanza non cambia, sempre di cibo precotto si tratta. Lungo preambolo per parlarvi dell'ultima iniziativa di British Airways per recuperare qualche sterlina dai viaggiatori, lasciandoli comunque a terra. In altri tempi sarebbe stata considerata simpatica. Con 179 aerei su 268 a terra al 14 marzo - e non è il dato più alto dall'inizio della pandemia - ha però il sapore amaro della disperazione.


I tempi di ripresa si allungano nonostante la campagna vaccinale nel Regno Unito segni qualche punto di vantaggio rispetto al resto d'Europa, anche a causa delle sanzioni fino a 5 mila sterline imposte dal governo britannico a chi decide di viaggiare all'estero senza un valido motivo. Così, i manager della compagnia hanno deciso di mettere in pratica la vecchia massima 'Se la montagna non viene da Maometto, allora Maometto andrà alla montagna'. Detto fatto, la nuova collaborazione tra BA, Feast Box e DO & CO porta sulle tavole di viaggiatori sconsolati le cene del servizio di prima classe. Beh, quasi.


La compagnia aerea ha messo insieme DO & CO - partner del catering a bordo e Feast Box, un fornitore di scatole per ricette di ispirazione internazionale, per creare un kit per pasti cucinati a casa in edizione limitata che rispecchi l'esperienza di pranzo in cabina di prima classe di British Airways.


'Ogni kit pasto include un menu di quattro portate ispirato al cibo di lusso servito in prima', sottolinea una nota di British. 'I clienti possono scegliere piatti vegetariani, di pesce e di carne nel loro kit. Riceveranno gli ingredienti completi - come quelli utilizzati nella cabina First - per cucinare il pasto a casa'. Gli ingredienti arrivano a casa con le istruzioni dettagliate per eseguire la ricetta e una scheda informativa sotto forma di passaporto.


Ogni kit è per due persone e il costo parte da 80 sterline, non proprio a buon mercato, considerato che vengono recapitati degli ingredienti, un po' come fare la spesa on line, e poi bisogna seguire le istruzioni e cucinare, cercando di rispettare tempi e procedure di cottura, di non ricevere una telefonata o di non dover asciugare i capelli alla figlia proprio nel momento topico in cui bisogna fermare la cottura o aggiungere un ingrediente fondamentale. Comunque, non è il caso di preoccuparsi, sugli aerei la cucina espressa non esiste più da decenni. Tutti i pasti, compresi quelli serviti nelle classi superiori, vengono pre-preparati, quindi anche se siete dei dilettanti ai fornelli dovreste riuscire a ricreare l'esperienza di prima classe promessa da British Airways. Il senso in realtà non è quello di assaporare l'alta cucina e neppure quello di sfamarsi, a giudicare dalle immagini se volete rimpinzarvi meglio un delivery di tonnarelli alla gricia dalla trattoria Cesare all'angolo sotto casa. La raffinatezza di prima classe, ovviamente, non si sposa con l'abbondanza. L'idea è dare un tono diverso alla cena, sorprendere il/la partner, accendere la conversazione con un nuovo argomento, stuzzicare la fantasia di viaggi che avremmo voluto intraprendere nel 2020-2021 e dovremo rimandare ancora per un po' di tempo.


Fate un po' voi, qualsiasi sia la ragione per consumare cibo da aereo pur avendo la possibilità di evitarlo, potete ordinare kit qui. Tempo 48 ore (almeno, chi vive fuori dal Regno Unito dovrà attendere qualche giorno in più) e vi verranno consegnati direttamente alla porta di casa o dell'ufficio.


I kit possono essere ordinati dal 26 marzo, mentre le consegne sono previste a partire dal 1 di aprile. Nel box ci sarà anche un voucher con uno sconto del 10 per cento per un volo della compagnia britannica



Ogni confezione First Dining Experience contiene quattro portate e serve due persone. È possibile scegliere un antipasto e un piatto principale con un'opzione vegetariana per ciascuno, così come il tagliere di formaggi e dessert. Molti degli elementi sono preparati dagli chef DO & CO, dalle guance di manzo cotte lentamente 48 ore nel vino, agli agnolotti artigianali fatti a mano. Le prime 500 persone che riescono a effettuare un ordine per la nostra prima data di consegna disponibile del 1 aprile, riceveranno in omaggio una bottiglia di spumante inglese Hattingley Valley.


Di seguito è riportato un menu di esempio:

  • Timballo di salmone affumicato Loch Fyne con salsa di senape al miele

  • Guance di manzo britanniche cotte a fuoco lento con gratin di patate Jalapeno, broccoli a stelo e chimichurri

  • Selezione di formaggi di Caws Golden cenarth, Snowdonia Black Bomber Cheddar, Harrogate blue e formaggio di capra di cenere di Kidderton con chutney

  • Budino di pane e burro al cioccolato fondente e arancia con salsa alla vaniglia



Sia l'imballaggio esterno che quello interno dei kit per pasti sono costituiti da materiali riciclabili, compostabili o biodegradabili. Il cibo proviene, dove la stagionalità lo consente, dal Regno Unito e dall'Irlanda, compreso il salmone affumicato di Loch Fyne in Scozia e le guance di manzo di razze britanniche.


In definitiva, se avete voglia di giocare ai viaggiatori internazionali di prima classe nel salotto o nel tinello di casa, quella di British è sicuramente una trovata frivola al punto giusto. Forse un po' cara con le 80-100 sterline da mettere in conto, ma tutto sommato non impossibile. Certo sarete anche dell'umore giusto per condividere la vostra esperienza sulle pagine social della compagnia con uno specifico tag #BAFirstFeast.